Bullismo, a scuola arriva la carica dei Cyber-Angels
Attualità

Bullismo, a scuola arriva la carica dei Cyber-Angels

Otto scuole siciliane hanno partecipato al progetto “Cyber-Angels”, un progetto finanziato dal Miur che si pone come obiettivo, attraverso percorsi specifici di formazione, di sensibilizzare e informare tutti gli attori del processo educativo.

Ha preso il via nell’aula magna dell’Istituto Tecnico Superiore “Verona Trento” di Messina il progetto “Cyber-Angels”, a cui partecipano gli studenti di altre sette scuole siciliane che avranno la possibilità di confrontarsi attivamente e lavorare in gruppo con il supporto della web radio “100 passi” di Palermo per creare rete e diffondere quanto svolto attraverso dirette radiofoniche e cortometraggi pubblicitari.

«Il programma - come ha spiegato la professoressa Rosaria Tornese - durerà 8 mesi e vedrà la realizzazione di diversi seminari dislocati tra Messina, Catania e Palermo che impegneranno oltre gli studenti anche i genitori, i docenti e il personale Ata, che saranno supportati da uno psicologo e un tutor».

I cosiddetti “Cyber Angels”, ovvero gli "angeli contro ogni forma di bullismo", saranno selezionati tramite adesione volontaria e  seguente compilazione di un questionario iniziale riguardo la complessità del fenomeni; i risultati di questi daranno spunti circa l’organizzazione dell’operato.

All’evento ha preso parte anche la preside dell’Istituto, la professoressa Simonetta Di Prima, che ha invitato tutti, in particolar modo i propri alunni, ad una riflessione: «La pari dignità di genere è l’elemento fondamentale per sconfiggere ogni forma di bullismo nella società, soprattutto quella informatica. Fare gruppo deve essere una cosa positiva lavorativamente parlando, non di certo per discriminare in qualsivoglia maniera»

Lo scopo di questi "angeli" è non soltanto aiutare le comuni vittime di bullismo, ma anche essere da esempio per tutti; così da fronteggiare e arrestare una delle più attuali piaghe sociali del nostro tempo.

di Andrea Denaro e Grazia Di Mauro